finanziaria-pag1

Finanziaria 2019: ma questo fatidico “primo passo” è per andare… dove?

by • 17 gennaio, 2019 • Primo PianoComments (0)458

Prima di esprimere un giudizio su quanto previsto nella Finanziaria-2019 per le concessioni balneari, abbiamo voluto far passare qualche giorno e approfondire attentamente quanto è stato scritto.

Si parla tanto della proroga di 15 anni, a partire da subito (e non dal 2020), e fino al 2033. Ma poi?
Non solo: se anziché fermarsi al comma 685, l’ultimo degli 11 commi che riguardano i balneari, si prosegue e si legge il comma successivo, il 686 che riguarda il commercio ambulante, si scopre che in poche righe si ESCLUDE il COMMERCIO AMBULANTE dall’applicazione della Direttiva Bolkestein così come previsto dal Decreto Legislativo 26 marzo 2010, n.59 (la famosa legge di recepimento).

Non capiamo perché ai balneari italiani sono stati concessi solo 15 anni di proroga (incerta), mentre altre categorie come gli ambulanti sono state escluse dalla Bolkestein. Perché per i balneari non è stato fatto lo stesso?
Ricapitolando: per il settore ambulanti si va DIRETTAMENTE all’ESCLUSIONE, senza passare per l’Europa; invece per il settore turistico balneare, SOLO un PRIMO PASSO. Si, ma verso DOVE?

A leggere le dichiarazioni del Sig. Sergio Battelli del Movimento 5 Stelle, c’è da preoccuparsi e non poco: «La legge di bilancio non prevede espressamente le gare per i concessionari del comparto balneare, ma queste saranno rimandate a un decreto del presidente del consiglio. Ecco perché siamo al lavoro per impegnare il governo, già in quella sede, ad adoperarsi per assegnare le concessioni attraverso procedure di evidenza pubblica. Il Movimento 5 Stelle ritiene infatti che sia questo lo strumento più efficace per garantire trasparenza, legalità e libera concorrenza. E ribadisco che parliamo di gare, non di aste» (Fonte Mondobalneare.com).

Effettivamente, leggendo attentamente quanto scritto nella Finanziaria, nell’art.1 dal comma 675 al comma 685, fondamentalmente ritroviamo quanto ci era stato anticipato un anno fa dallo stesso Battelli in un incontro svoltosi a Roma (qui il resoconto www.itbitalia.it/2018/01/incontro con l’on.Battelli (M5S) e che poi era stato effettivamente inserito nel programma elettorale del Movimento.

Insomma, nella finanziaria ci “lodano” per il buon lavoro svolto, gratificandoci con una proroga fino al 2033 (sperando, con l’aiuto del buon Dio, di arrivarci), ma stando così le cose, sembra più un countdown molto triste verso il destino che ci aveva PROMESSO il Sig. Battelli del M5S e che infatti ha confermato nell’intervista a Mondobalneare.

Ma la cosa più triste è vedere colleghi “balneari” che esultano come se questa fosse una vittoria… incredibile.
Sembra tanto di sentire il solito “amico cinese” che nella sua proverbiale saggezza ti dice “Non ti agitare, altrimenti fai il loro gioco…”.

Ora aspettiamo la convocazione del tavolo tecnico annunciato dal Ministro Centinaio, così da capire a che gioco stanno giocando a Roma.
Sperando che, certe notizie relative all’aumento degli annunci di messa in vendita delle attività balneari, non arrivino alle orecchie dei nostri “amici” a Roma… perché allora sì, che sarebbe un bel guaio… “Wǒmen xīwàng hěn hǎo” 

 

finanziaria-pag1 finanziaria-pag120-2 finanziaria-pag121 finanziaria-pag122-2 finanziaria-pag123-1

 

 

 

 

 

Pin It

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *