44337443_1953003844766982_231342507819008000_n

Sanremo: dagli Stati Generali del Turismo, il NO alla “follia” Bolkestein

by • 23 ottobre, 2018 • Fiere ed Eventi, Primo Piano, Ultime NotizieComments (0)211

Andare oltre la Bolkestein, salvaguardare le imprese italiane.

Agli Stati Generali del Turismo, al teatro del Casinò di Sanremo, un appuntamento di due giorni organizzato da ‘Fratelli d’Italia’, che coinvolge il meglio del comparto turistico, per discutere di come valorizzare la più importante risorsa dell’Italia (il turismo, appunto), si sono ritrovati i rappresentanti delle principali Associazioni di categoria del settore balneare.

A dare il via ai lavori è stato l’onorevole Carlo Fidanza:
“Sin dal primo giorno, ovvero da quando questa grana Bolkestein è scoppiata e questa ‘mannaia’ incombe su decine di migliaia di operatori del turismo balneari, ci occupiamo di questo problema. E’ un tema su cui chiediamo al Governo, che ha preso impegni importanti e solenni sul problema, di fare passi avanti oltre le parole e prendere provvedimenti concreti. Abbiamo presentato proposte di Legge in Parlamento ed abbiamo cercato di intervenire sul decreto dignità e sul ‘milleproroghe’, con degli emendamenti che sono stati tutti respinti. Ci auguriamo che, nelle prossime settimane, ci sia un’iniziativa legislativa del Governo che metta la parola fine a questa ingiustizia che impedisce da 10 anni, alle imprese balneari italiane, di investire e di crescere. E’ una peculiarità tutta italiana ed il nostro patrimonio balneare deve essere preservato e, su questo noi saremo inflessibili”.

A seguire l’intervento di Marco Scajola, assessore al demanio della Regione Liguria:
“A novembre scorso come Regione Liguria abbiamo presentato due leggi per intervenire giuridicamente a breve per le imprese balneari; Noi siamo favorevoli alle gare ma per le nuove concessioni, le attuali imprese devono essere garantite e tutelate. Una delle due leggi, impugnate, parlava di valore e tradizione delle imprese italiane. Pensare che quella legge con quella frase sia stata impugnata dal Governo mi amareggia come amministratore e italiano.
Siamo contrari a qualsiasi iniziativa di Governo che preveda delle gare – ha aggiunto – Ho chiesto al ministro Centinaio una cosa semplice: di ritirare l’impugnativa alle due leggi della Liguria, l’ho fatto in maniera anche formale con una richiesta della Regione liguria, chiedo che venga fatto per dare un segnale chiaro alle nostre imprese”.

A seguire gli interventi dei rappresentanti delle Associazioni, con un comune denominatore: uscire dalla “follia” Bolkestein e chiedere di svolta segnale dal Governo.

Anche in questa occasione, la soluzione proposta da Giuseppe Ricci, presidente ITB Italia, è quella della sdemanializzazione:
“Si tratta di una soluzione tutta italiana, semplice e che non richiede l’ok di Bruxelles poiché abbiamo regolarmente costruito le nostre aziende e anche se sorgono su suolo pubblico, si tratta di aree urbanizzate senza più alcun interesse pubblico”.

Un intervento applaudito per la passione e la fermezza con cui ha difeso il lavoro e l’impegno sia dei circa 30.000 titolari di concessioni balneari che dei loro circa 300.00 dipendenti stagionali.

In seguito è stato proiettato un intervento video del ministro Centinaio, che ha ribadito come la «sistemazione definitiva della questione Bolkestein» sia una priorità del governo Conte in materia di turismo (a breve pubblicheremo il video):
“L’obiettivo è quello di uscire dalla direttiva perché se Frits Bolkestein ha detto che le concessioni balneari non sono un servizio, visto che c’è un’interpretazione autentica di chi ha scritto la norma, non vedo perché non debba essere tenuta in considerazione.
Siccome il rapporto con l’Europa è molto difficile nel caso in cui non si riuscisse a uscire dalla Bolkestein, l’eventuale “piano B” lo vogliamo condividere con le associazione balneari che si sono già rese disponibili.

Prima della conclusione del dibattito, si è anche accennato al problema dei canoni demaniali, un argomento che probabilmente verrà discusso già nella prossima finanziaria:

43141203_1877772325593354_2545855625779216384_n 44317203_1953004114766955_4589457161783869440_n 44334741_1878003348903585_1340651325364371456_n 44337443_1953003844766982_231342507819008000_n 44356072_1878004255570161_4403306390047686656_n 44394689_1877908168913103_8340648118840197120_n 44407249_1879157635454823_2784890883881828352_n 44423750_1953003694766997_4524944532499857408_n 44450387_1877990325571554_8717081906182619136_n 44495400_1952516691482364_5745211455020466176_n 44581803_1953003761433657_6868965536072466432_n s_064a8af309 s_aacf588d63 s_f6404500f2

 

 

 

Pin It

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *