25354005_172761823467807_3722600635851773953_n

Finalmente… un BUON NATALE a TUTTI !

by • 13 dicembre, 2017 • Fiere ed Eventi, Marche, No alle aste, Primo PianoComments (0)543

Partiamo dalle bellissime notizie dell’ultim’ora: mentre stavamo scrivendo questo resoconto sulla giornata di ieri e sulle varie dichiarazioni di quanti hanno partecipato al nostro convegno di ieri 12 dicembre, è giunta la notizia che aspettavamo e che appunto ci era stata preannunciata appunto ieri, ovvero che il DDL “AMMAZZABALNEARI” NON VERRA’ APPROVATO IN SENATO.
Secondo quanto viene riferito da fonti parlamentari, durante l’ultima riunione di oggi pomeriggio, delle commissioni Industria e Finanze, di fronte alla richiesta del Sen. Salvatore Tomaselli (PD), che chiedeva di approvare il DDL così come arrivato dalla Camera e in tempi rapidi, tutti gli altri gruppi hanno invece chiesto di fare audizioni per ragionare su dei correttivi.
A quel punto, viene raccontato, le relatrici Stefania Pezzopane (Pd) e Mara Valdinosi (Pd) hanno rimesso il mandato nelle mani dei rispettivi presidenti, prendendo atto del fatto che non ci sono le condizioni (e nemmeno i numeri) per procedere all’approvazione della legge, sancendo così il fatto che il DDL delega non verrà mai convertito.
Si è dunque concretizzato quanto annunciato proprio ieri dal Sen. Gasparri, e da noi da sempre auspicato e sostenuto.
La strada è ancora lunga, ma possiamo considerala una prima vittoria di da sempre ha combattuto questa battaglia e creduto nei diritti dei balneari.

♦ ♦ ♦

Come ormai da consuetudine da dieci anni a questa parte, l’Associazione ITB Italia ha organizzato il suo meeting di fine anno: nella sala consiliare del Comune di San Benedetto si è tenuto l’incontro dal titolo “No al disegno di legge Ammazzabalneari”  che ha richiamato molti aderenti e simpatizzanti, non solo da tutta la Riviera ma anche da Rimini e dal resto delle Marche.
“Dalla politica ci aspettiamo che ci venga dato un titolo certo, non possiamo restare provvisori in questo modo. Abbiamo realizzato gli stabilimenti con i nostri soldi e secondo le regole. Ci permettiamo che le aree ormai urbanizzate possano passare nella disponibilità degli imprenditori balneari” ha aperto l’incontro il presidente Giuseppe Ricci.
Al suo fianco, il comandante del comparto della Capitaneria di Porto di San Benedetto, Alessio Morelli: “Noi applichiamo la legge, ringrazio per la stima e la fiducia dell’ITB nei nostri confronti. So che la direttiva Bolkestein rischia di cambiare le carte in tavola”.
“Vicinanza doverosa e convinta alla vostra lotta – ha esordito il sindaco Pasqualino Piunti – Purtroppo l’Europa si manifesta come un aggregato finanziario ma poco solidale e poco sociale. Siamo vicini alla vostra battaglia”.

Da Forza Italia interviene Marcello Fiori: “Attribuzione del diritto di superficie con possibilità di riscatto del terreno demaniale marittimo ai legittimi proprietari, questo è il primo articolo che presenteremo al Consiglio dei Ministri quando saremo al governo. La seconda cosa che dovremo fare è che questi tratti di città non sono più demanio marittimo ma territorio urbanizzato. Terzo: riconosciamo non il diritto di fare impresa in quel territorio, ma il diritto di quella impresa di vivere in quel territorio. Non ci può essere obbligo a morire dell’azienda. Dovevamo opporci subito alla Bolkestein, dobbiamo riconoscere l’errore iniziale quando abbiamo sottovalutato il problema: è vero, e abbiamo capito l’errore per non ripeterlo. Noi dobbiamo difendere il made in Italy e il know how di impresa che non può essere replicato altrove”.
Appassionato intervento di Massimo Mallegni (Forza Italia), sindaco di Pietrasanta: “Dal 2004 ad oggi sono passati 13 anni, io ho uno stabilimento balneare in Versilia. Non è l’Europa contro di noi, siamo noi che dobbiamo andare in Europa a spiegare che abbiamo 30 mila imprese balneari connesse con il sistema alberghiero e insieme garantisce un servizio congiunto che rischia di saltare. Dobbiamo dire quello che hanno detto Spagna e Portogallo, questa è una direttiva Servizi, nella Bolkestein c’è scritto espressamente che non riguarda le concessioni demaniali, ma i servizi. I tassisti rientrano nella Bolkestein, ma ne sono stati esclusi perché protestano duramente. Questo deve fare il nostro governo, escludere il settore balneare dalla Bolkestein”.
Da parte di Fratelli d’Italia, interviene il presidente del consiglio comunale di Ascoli Marco Fioravanti: “Da quest’anno abbiamo iniziato a lavorare per un turismo plurale tra Ascoli e San Benedetto. Porto i saluti da Giorgia Meloni e Carlo Fidanza che già in Europa, per Fratelli d’Italia, aveva combattuto, come sapete, la Bolkestein. La strategia di questo governo è quello di uccidire la piccola impresa, seguendo la globalizzazione dell’economia. Le spiagge devono rimanere di interesse pubblico ma il bene dove uno ha costruito devono rimanere nella disponibilità di chi l’ha costruito”.

Giunti poi direttamente da Rimini, Gabriele Boldrini e Flavio Betti hanno voluto portare la propria voce: “Non sa nulla un giudice della Corte di Giustizia Europea del nostro lavoro e dei nostri sacrifici. Nel momento in cui delle aziende straniere prendessero le nostre imprese, i profitti verrebbero spostati all’estero”.

“Ho passato settant’anni a lavorare sulla spiaggia. Come posso immaginare di farmi togliere tutto con un Ddl? – sentenzia a chiusura del convegno il presidente Ricci -. Dopo 70 anni, quello che mi aspetto è che mi sia riconosciuto il lavoro svolto. Che sia riconosciuta la mia impresa”.

Al termine del convegno, tutti i presenti si sono poi trasferiti al ristorante Puerto Baloo, dove ad attenderli c’era il Sen. Maurizio Gasparri.
Qui il senatore ha spiegato che il destino del DDL è appeso ad un filo e che già domani questo filo potrebbe spezzarsi.

Nel corso della conviviale sono stati nominati i nuovi “Consoli del Mare”: la prima ad essere stata nominata è stata Maria Teresa Silenzi di Porto San Giorgio, seguita dal sindaco di San Benedetto del Tronto Pasqualino Piunti, dal Comandante della Capitaneria di Porto il Capitano di Fregato Alessio Morelli e infine il senatore Maurizio Gasparri.

E’ stato poi il momento della consegna dei piatti in ceramica decorata “LA STORIA SIAMO NOI”: a Silvio Sebastiani dello chalet Malibù e Elena Piretti dell’Antares.

Un riconoscimento speciale poi agli “angeli del mare”, ovvero i baywatch della cooperativa Riviera Service con a capo Luca Buttafoco e Luigi Marinangeli. Altri premi a Massimiliano Grilli e Francesco Napoletani. Per concludere il sindaco Piunti ha cantato il motivo tradizionale “Nuttate de lune” tra gli applausi dei convenuti.

Erano presenti il presidente del  Consiglio Giovanni Chiarini, gli assessori Manuela Carboni e Annalisa Ruggieri, i consiglieri Mariadele Girolami, Rosaria Falco, Emidio Del Zompo e Pierfrancesco Troli.

 

Pin It

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *